Archivi tag: internet festival

#IF2017 – il sentimento della tecnologia

E’ stata un’esperienza fantastica nella tre giorni di Pisa, promovendo il nostro laboratorio “School Box”: storytelling, stampa 3D e realtà aumentata sono stati gli strumenti con cui i nostri prodi Jessica, Sonia, Silvia, Usrsula e Giovanni hanno fatto vivere e divertire centinaia di ragazzi di ogni grado scolastico!

Un ennesimo schiaffo in faccia a chi li considera sdraiati o tsunami.

Internet Festival 2016 – 2: riflessioni random

La chiamata a gestire un laboratorio all’Internet Festival di Pisa 2016 è stata fonte di grande gioia e fierezza: spesso è difficile, nel campo in cui operiamo, ricevere attestati di “competenza” come in una situazione del genere.

Il laboratorio è stato gestito insieme a Jessica Rampi (17 anni), Sonia Musso (19) e Giovanni Trapella (16): non aiutanti, ma veri e propri formatori per gli oltre 500 partecipanti (solo al nostro laboratorio) di questa 4 giorni molto impegantiva. Il ringraziamento per il loro impegno e la loro serietà non sarà mai abbastanza.

Aver incontrato così tanti fra alunni, docenti e genitori delle scuole primarie e secondarie di un territorio completamente diverso dal nostro (provincia di Varese), aver vissuto questa esperienza insieme e in collaborazione 24/24h con dei “giovani”, ci permette di fare alcune riflessioni random:

  • il livello di educazione nella tecnologia per la scuola dell’obbligo, e soprattutto per la scuola primaria e secondaria di 1° grado, è ancora troppo indietro. Classi intere, docenti compresi, che guardano con stupore un’ologramma su un iPad o la realtà aumentata di un app quale chromville mostrano come gli aspetti digitali siano ancora appannaggio di poche, seppur lodevoli, realtà e non integrate in un “sistema scolastico” generalizzato.
  • a quanto pare, visto il confronto con alcuni docenti e in particolare con alcuni Animatori Digitali, lo spreco economico per comprare LIM a destra e a manca è stato perpetrato anche nelle zone di Pisa. (Il perchè una LIM in una scuola non ha senso sarà oggetto di prossimo articolo di questo blog).
  • una stampante 3D attira più di un leone che si mangia l’orsetto Knut in una gabbia. Metteteci un giovane o una giovane adolescente a spiegarne il funzionamento tecnico, e vedrete negli occhi degli astanti il fascino di qualcosa di unico, il desiderio di possesso, la malinconia di non poterla portare a casa. Dovremmo chiederci perchè.
  • Chi si lamenta dei giovani (“non hanno valori” e blablabla), chi non li porta in gita scolastica perchè ha paura delle cose che potrebbero succedere (“poi di notte chi li controlla??“), chi li descrive addirittura come “sdraiati” (che danno quel libro nell’immaginario collettivo), dovrebbe farsi un serio esame di coscienza e rivedere il suo atteggiamento e/o la sua programmazione. Rendeteli protagonisti di quello che volete fare e vi stupiranno che neanche George Lucas.
img_0212

lo stupore.

matteo